Top

Rulli Ribelli a MaTeMù!

Banda Rulli Frulli / Rulli Ribelli a MaTeMù!

Rulli Ribelli a MaTeMù!

Rulli Ribelli a MaTeMù! è un progetto di Banda Rulli Frulli di Finale Emilia (MO), centro giovani CIES/MaTeMù di Roma e del progetto “Cervelli Ribelli” di Gianluca Nicoletti.  Queste realtà si sono conosciute e incontrate durante la rassegna “Rulli Frulli Days”: gli eventi dedicati all’inclusione sociale realizzata attraverso la musica, svolti a Finale Emilia l’8 e il 9 giugno 2019. In quell’occasione oltre 400 studenti del liceo Morandi e dell’istituto agrario Calvi di Finale Emilia, di cui 100 volontari, hanno approfondito le storie di 270 musicisti appartenenti ad 8 progetti di diverse realtà italiane. Quell’incontro ha segnato l’esigenza di una collaborazione.
Il progetto che è nato tratta di un laboratorio di sperimentazione musicale, destinato a ragazze e ragazzi adolescenti con abilità diverse e provenienti da diversi contesti culturali. L’inserimento tra i partecipanti di ragazze/i giovani adulte/i con autismo è monitorato da professionisti utilizzando strategie evidence-based.

Rulli Ribelli a MaTeMù! è un progetto artistico di inclusione sociale, pertanto è guidato da riferimenti di didattica musicale e da principi pedagogici orientati a mettere al centro la persona. L’inclusione che si intende raggiungere riguarda adolescenti con provenienze geografiche diverse e con differenti abilità. In particolare, attraverso un setting laboratoriale funzionale allo scopo si intende permettere a ragazzi/e con disabilità di svolgere le attività senza il supporto di tutor a loro dedicati.  Per le loro caratteristiche Banda Rulli Frulli e CIES/MaTeMù possono essere un contesto facilitante, privo di ostacoli, nel quale ogni ragazza e ogni ragazzo può esprimere il massimo delle proprie possibilità.

La metodologia utilizzata per le attività è quella laboratoriale, fondata sullo scambio intersoggettivo e sulla promozione della cooperazione tra le parti coinvolte. Nel laboratorio l’esperienza individuale assume un significato collettivo, generando apprendimento. Il sapere si coniuga al saper fare e l’esperienza assume un valore affettivo creato dal gruppo. In questo modo è facilitata l’emersione delle competenze di tutti i membri. Nel laboratorio viene applicato il metodo di didattica musicale creato da Banda Rulli Frulli in cui la scelta musicale ricade prevalentemente su percussioni fabbricate con oggetti di riciclo, al fine di permettere un approccio spontaneo alla musica che non intimorisce i musicisti principianti ma che al contrario ne stimola il gioco; inoltre la costruzione collettiva degli oggetti è momento di socializzazione e di scambio. La ricerca dei materiali e dei suoni porta i partecipanti ad immaginare il futuro oltre all’esistente.
Alla didattica BRF viene affiancato il principio educativo utilizzato da CIES/MaTeMù secondo cui l’arte è di per sé educazione. L’arteducazione con approccio interdisciplinare intende insegnare ai ragazzi a sognare il loro futuro attraverso percorsi di recupero che includono non solo l’apprendimento di discipline artistiche, ma anche il sostegno alla frequenza scolastica, il reinserimento in famiglia e la reintegrazione sociale. In questa prospettiva, l’acquisizione di un’abilità artistica nasce da un desiderio che, oltre a essere il carburante per ottenere delle competenze tecniche, può anche essere sfruttato per maturare una prospettiva diversa su sé stessi.

 

Rulli Ribelli è un progetto di

      

Promosso dall’associazione